venerdì 28 marzo 2014

Niente da dichiarare?

Turchia, dopo Twitter Erdogan "spegne" anche Youtube

Mentre tutte le prime pagine sono occupate dalla nuova registrazione audio in cui i vertici politici e militari studiano un falso pretesto per attaccare la Siria, il premier turco prosegue la suo offensiva contro i "responsabili" della "montatura" ai suoi danni: la confraternita islamica Hizmet del predicatore Fetullah Gulen

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.