lunedì 11 maggio 2015

La buona squaw

Cosa cambia con la riforma “La Buona Scuola”

I principali punti della contestazione alla riforma riguardano:
La stabilizzazione dei precari; il troppo potere dato ai dirigenti scolastici; il rinnovo dei contratti; gli  sgravi per chi decide di iscrivere i figli alle scuole private paritarie.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.